EnergiAlternativa

Page Index Toggle Pages: 1 ... 35 36 [37] 38 39 ... 50 Send TopicPrint
Very Hot Topic (More than 500 Replies) Motore a Vapore Elettronico (Read 112146 times)
biomassoso
Ex Member
**


--------

Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #540 - 12.08.12 at 14:02:00
Print Post  


non mi permetto di entrare nel merito dei rendimenti elettrici dal momento che non conoscendo a fondo la materia specifica non sarei in grado di quantificarla coi dati a disposizione, ed oltretutto non avendo certezza neppure delle calorie immesse la cosa si complica ulteriormente, quindi...

solo mi permetto di aggiungere che tutti i modelli cogenerativi sperimentali di piccola taglia a biomasse, abortiti o meno, dallo stirling con tutti i suoi problemi di "sporcamento" e passando dal vecchio newcomen, non vanno oltre il 10% di rendimento elettrico, quindi se dal vostro accrocchio ci tirate fuori di più non posso, almeno io dal momento che non parlo per altri, che esser contento di ciò....e questa non è invidia del pene!

http://enerbus.it/

www.newcomen.it/

www.animatedengines.com/newcomen.html

  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #541 - 12.08.12 at 14:09:00
Print Post  
comunque Yuz invece che alla temperatura prova a pensare alla pressione e ad impianti grandi dove un 1% in più vuol dire tonnellate di combustibile al giorno in meno.

Si stabilisce la pressione di funzionamento ammettiamo 100BAR (sparo i numeri a caso) non di più perchè se no l'impianto ti esplode.

Una volta raggiunti i 100BAR con vapore saturo cosa faresti lo utilizzeresti così come si trova... o sempre a 100 bar lo surriscalderesti il più possibile fino ai limiti tecnici dei materiali per spremere qualche percento in più di rendimento e potenza in più visto che entra ulteriormente energia termica nel gas??

quarda che quei grafici (ammettendone la correttezza(anche approssimativa)) non sono in contraddizione con nulla, è forse l'interpretazione ... ma prova a pensare come sopra.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Yuz
Ex Member
*


--------

Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #542 - 12.08.12 at 15:06:00
Print Post  
CITAZIONE (NonSoloBolleDiAcqua @ 12/8/2012, 14:21) Quote:
Non so il rendimento 'Termoelettrico' del GEB.

Non sai il rendimento termoelettrico del GEB?
Ma quello che è stato dichiarato fino a questo momento da Kekko era solo un numero a caso?
  
Back to top
 
IP Logged
 
biomassoso
Ex Member
**


--------

Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #543 - 12.08.12 at 17:52:00
Print Post  
CITAZIONE Quote:
Quel tizio di cui parlavo, che conosci anche tu, faceva aggiungere dell'olio esausto (recuperato a gratise) al pellet ...

credevo che non ti riferissi a Roby-Wroclaw (autogiubiltosi per screzi e che dispiace non intervenga più), ma a produttori che si permettono di scrivere "pubblicitariamente" simili facezie:
""R. Il pellet di Faggio ha un'elevato potere calorifico, fino a 5180 Kcal - pari a 6 KW
in quanto si tratta di legno duro e quindi ha un maggior rendimento a parità di peso.""

a Roby ho sempre comunque detto, al di là dei rendimenti "a sensazione", che se anche aggiungeva 200 grammi di olio al suo pellet questo fantomatico kg non poteva che arrivare ad avere un p.c.i. dato da questi + gli 800 grammi di pellet di legno e nulla più, che le calorie non si inventano

il CNR, ben dopo le prove di Roby, si è anche permesso il lusso di brevettarlo, con che esiti commerciali non si sa
<a href=https://brevetti.cnr.it/brevetti/InfoCatalogo.do?nsrif=1855&dip=0 target=_blank>https://brevetti.cnr.it/brevetti/InfoCatal...srif=1855&dip=0

CITAZIONE Quote:
Che darei per poterne avere una.....Alimentando quella macchina a biomassa

qualche macchina "a vapore" più moderna è stata concepita fra cui quella da record di 220 km/h
www.cyclonepower.com/works.html

i crucchi ci han provato con la Skoda Flavia, ma: However, Enginion found that the market was not ready for steam cars

naturalmente il combustibile utilizzato nelle moderne non è la biomassa, per vederne una così devi ripiegare su quella a pellet, ma non si sa quante ne siano state vendute e/o eventuali difetti riscontrati nel tempo.
  
Back to top
 
IP Logged
 
NonSoloBolleDiAcqua
Ex Member
*****


--------

Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #544 - 12.08.12 at 18:40:00
Print Post  
XBiomnassoso,
quindi hai visto che a volte le cose sfuggono?

CITAZIONE (Yuz @ 12/8/2012, 16:06) Quote:
Non sai il rendimento termoelettrico del GEB?

No....non è importante...se vuoi ti spiego anche il motivo.

CITAZIONE (Yuz @ 12/8/2012, 16:06) Quote:
Ma quello che è stato dichiarato fino a questo momento da Kekko era solo un numero a caso?

Sempre la macchina del fango in azione...ehhehe? Sei prevedibile come una linea retta.
Conosco kekko ed è una delle persone più geniali che abbia mai conosciuto, ora che lavora con Agolui è praticamente incontenibile. Tu sei troppo concentrato con i tuoi modelli che non sono errati ma non sono applicati nel modo giusto...è la visione globale che ti manca.
Inoltre dovresti metterti in discussione...ma sei troppo pieno di te che trabocchi. Neghi un rendimento del 20%...ma vorrei sapere secondo te verosimilmente a quanto si agira?.
Rispondi a questa domanda.
Bolle
  
Back to top
 
IP Logged
 
agolui
Ex Member
**


--------

Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #545 - 12.08.12 at 18:46:00
Print Post  
CITAZIONE (Yuz @ 12/8/2012, 07:30) Quote:
CITAZIONE (agolui @ 12/8/2012, 00:32) Quote:
Ma non c'avete un c................o da fà. Chi pratica l'invidia lo fà perche è è è incapace !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Il tuo contributo alla discussione è stato davvero molto utile.

Hai ragione tu continua a alimentare la discussione come sai fare, io nel frattempo cerco di concretizzare qualcosa
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #546 - 12.08.12 at 22:00:00
Print Post  
siamo quindi in accordo se ammettiamo che più del 10% è tutto grasso che cola, basta fine con la teoria

il rendimento di questa macchina è sicuramente superiore . efine

è basso ?? ma neanche per idea perchè se si fa il rendimento brutale (che non è quello termodinamico) energia elettrica prodotta/calore prodotto dalla combustione si trovano cose strazianti ad esempio i generatori diesel al 24% quando si sa benissimo che il rendimento termodinamico (di picco) potrebbe sfiorare il 40%


Si potrebbe fare di meglio ??? sicuramente ma è dura... per avere nettamente di più: cilindri in ceramica temperature estreme 600-700°c pressioni estreme centinaia di BAR e acqua in situazioni ipercritica più stadi di espansione....




il rendimento termoelettrico tiene conto del rendimento caldaia -motore-generatore


ma vi rendete conto che le vaporiere dell'800 avevano un rendimento termodinamico del 4%&shy;
  
Back to top
 
IP Logged
 
NonSoloBolleDiAcqua
Ex Member
*****


--------

Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #547 - 13.08.12 at 03:20:00
Print Post  
X Yuz,
in attesa di un fatidico numerello ( ipotizzandolo a due cifre ) ... sono rimasto molto colpito da un link che ha postato il biomassoso: newcomen.L'oggetto in questione, come scritto dal costruttore permette di essere utilizzato con applicazioni domestiche (solare termico/caldaie a pellet) :
[/URL]

La locandina di presentazione è questa: Link. Il sistema si basa su un ciclo termodinamico Rankine con fluido organico (ORC) con salto di temperatura medio molto basso (limite 45°). Il principio di funzionamento è questo:

Arrivo al punto, biomassoso faceva notare che il massimo rendimento ottenuto da prodotti commerciali si agira sul 10%...ma gli è sfuggita una cosa che probabilmente a te non sfuggirà: non ti sembra alticcio come rendimento termoelettrico un valore a due cifre con un così basso salto termico?


Pane per i tuoi denti....un covo di streghe....
Attendo risposta...chissà se anche questa attesa sarà vana!
Bolle
PS:Se è vero quel 10% ....chissà quanto sarà il rendimento del GEB....ba bo bu!

  
Back to top
 
IP Logged
 
biomassoso
Ex Member
**


--------

Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #548 - 13.08.12 at 09:30:00
Print Post  
sull'impossibilità termotecnica del PIGLET di tirarci fuori qualcosa con quel salto termico minimo abbiamo speso negli anni fiumi di parole, che TUTTI i "masticatori di tecnica" hanno lo stesso dubbio....ma siccome nessuno può controbattere su pur sempre possibili "miracoli", si aspettava di vederne UNO in funzione

"alticcio" da passaggio in osteria o "altino"?

volendo si può anche ordinare nello "stato pontificio", che forse 45° si trovano ancora da succhiare da qualche parte della pentola....
www.riscaldamentoalegna.it/sistema-...leto-p-288.html

""Vista l&#8223;elevata affidabilità di funzionamento dimostrata in campo dagli
impianti ORC forniti dalla Turboden non sorprende il fatto che alcuni
progettisti si siano spinti a cercare applicazioni della tecnologia ORC in
impianti di dimensioni più piccole.
In Italia questa strada è stata percorsa dalla società Newcomen s.r.l. di
Guastalla (RE) che si è concentrata nella realizzazione di impianti di
micro cogenerazione, con tecnologia ORC utilizzante il fluido R245fa,
alimentati a biomassa lignocellulosica.
Tali impianti sono stati commercialmente denominati “Piglet” ed hanno
taglia pari a 45 kW, 30 kW e 15 kW nonché un ulteriore impianto di
dimensioni ancora più ridotte con potenza pari a 3 kW elettrici.
Il cuore del Piglet è costituito da un cinematismo con espansione
volumetrica brevettata che trasforma la potenza termica assorbita in
potenza meccanica mettendo in rotazione l&#8223;albero. La potenza
meccanica viene quindi trasformata in potenza elettrica mediante un
generatore a magneti permanenti ad altissimo rendimento calettato
sull&#8223;albero che eroga corrente continua che viene trasformata in
alternata da un inverter dedicato.
Poiché il funzionamento di un ciclo ORC dipende unicamente dal
livello di temperatura della sorgente di calore, un sistema di questo
genere può utilizzare come sorgente di calore acqua calda prodotta con
qualsiasi mezzo, ad esempio con riscaldamento geotermico, pannelli
solari eliotermici o caldaie a biomassa lignocellulosica.
Allo scopo di approfondire lo stato di sviluppo raggiunto e reperire
informazioni di prima mano la Fondazione per il Clima e la
Sostenibilità ed il Dipartimento di Energetica hanno incontrato
direttamente l&#8223;esperto tecnico-commerciale della Newcomen, il quale
ha riferito che il primo prototipo di Piglet ha raggiunto le 10.000 ore di
funzionamento ad isola (cioè non connesso alla rete elettrica) e che era
in fase di progettazione l&#8223;interfaccia elettrica per il funzionamento in
parallelo alla rete elettrica.
Nella taglia (3 kW) e nella configurazione (caldaia a cippato e
condensatore ad acqua) di interesse ai fini delle applicazioni in ambito
rurale oggetto del progetto Moderno un impianto Piglet ha un prezzo
stimato pari a circa 8.000 Euro per la caldaia a cippato e 8.000 Euro per
il Piglet da 3 kW
per un totale di 16.000 Euro con un prezzo specifico
di circa 5.350 €/kWe.""

  
Back to top
 
IP Logged
 
Yuz
Ex Member
*


--------

Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #549 - 13.08.12 at 10:54:00
Print Post  
CITAZIONE (NonSoloBolleDiAcqua @ 12/8/2012, 19:40) Quote:
CITAZIONE (Yuz @ 12/8/2012, 16:06) Quote:
Non sai il rendimento termoelettrico del GEB?

No....non è importante...se vuoi ti spiego anche il motivo.

Finalmente un'osservazione esatta.
Chi segue il mio blog lo sapeva già da tempo.
Per gli altri consiglio questa lettura:

http://scienzalaterale.blogspot.it/2012/03...enerazione.html
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #550 - 13.08.12 at 13:00:00
Print Post  
comunque una famiglia media consuma quasi 1m^3 di acqua al giorno e quasi tutta calda!!!


il delta 53°C quindi 61kwh di calore ammettendo un rendimento termoelettrico del 10% 6,8kwh di energia elettrica, ci siamo quasi...


la coogenerazione funziona anche d'estate e in inverno a maggiore ragione
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #551 - 13.08.12 at 13:41:00
Print Post  
comunque di baggianate (non nei fatti stessi, ma nell'uso...) ne ho sentite gia abbastanza. fine.

X Kekko farai un altro prototipo con le valvole in testa???

  
Back to top
 
IP Logged
 
kekko.alchemi
Forum Administrator
*****
Offline


EA Lab

Posts: 1654
Location: Tusculum
Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #552 - 13.08.12 at 21:54:00
Print Post  
Yuz, non capisco cosa centri Bolle con quello che affermo io... mahh... Fra l'altro ti sono state fatte domande, ma come al solito...
Di reale da parte tua non vedo NULLA, solo tante chiacchiere, contento te...

Salve a tutti gli altri, certo che realizzerò un altro prototipo con le valvole in testa!! Saranno aggiunti anche altri 2 particolari che daranno non poche rogne a quelle fantastiche tabelle. Il primo è quello del turbo e ok, il secondo è un mistero segreto... uuuuuhhh

La turbina è quasi pronta, devo tornire l'asse e le rondelle distanziatrici, che dici qqcreafis quanto li metto distanti i dischi per un vapore secco? Dai conti mi viene una distanza di 0,28 mm ma mi sembra troppo poca visto che i soli dischi sono spessi 0,8 mm. Pensavo che un buon compromesso potrebbe essere 0,4 - 0,5 mm, che ne pensi?

Kekko
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #553 - 13.08.12 at 22:23:00
Print Post  
di che materiale li hai fatti i dischi ?????????

provi ad attaccarla al vapore a 400°C


prova 0,5mm circa

fai la corona circolare relativamente stretta (ricorda Biass) se no ricentrifuga all'indietro


con le turbine potresti fare addirettura due stadi, chissà...



  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Motore a Vapore Elettronico
Reply #554 - 13.08.12 at 23:16:00
Print Post  
io le valvole le metterei così (vista in sezione dall'alto e valvole in piedi)


e naturalmente la movimentazione solidale con la testata


i volumi residui devono essere minimizzati

addirettura nei monoflusso dove non si riesce a far uscire tutto il vapore (facendo forse di necessità virtù) si vanta come cosa positiva il fatto che (piccola)parte del vapore viene ricompresso circa alla stessa pressione del vapore in ingresso creando un ciclo più regolare

un'altro dei vantaggi dei monoflusso è che i vapori freddi scaricano in fondo al cilindro e questo porta alla dissipazione di meno calore dalla testata sempre molto calda.


comunque se anticipi un pochino la chiusura dello scarico puoi ricomprimere e forse quelli sbalzi sul manometro li elimini (forse)


Puoi fare la valvola di scarico più grande di quella di carico (che deve avere circa la stessa sezione di passaggio del tubo che viene dalla caldaia)


ma il grosso problema è stimare le perdite interne del motore in calore che consiste nel riscaldamento non desiderato del vapore in fase di espulsione dovuto al contatto con pistone e testata e cilindro che precedentemente hanno assorbito calore da vapore a più di 400°C(e che si è raffreddato per scaldare il tutto che non si trova certamente a 400°C ma a temperatura inferiore).

cosa ne pensi??

Immagine Allegata: pistone
<table class=fancyborder align=center style=width:auto cellpadding=4 cellspacing=0><tr><td></table><p></p>
  
Back to top
 
IP Logged
 
Page Index Toggle Pages: 1 ... 35 36 [37] 38 39 ... 50
Send TopicPrint
 

TOP100-SOLAR Galleria Immagini EnergiAlternativa