EnergiAlternativa

Page Index Toggle Pages: [1] 2 3 ... 16 Send TopicPrint
Hot Topic (More than 100 Replies) Accumulatori Nichel Ferro (Read 40472 times)
leonof
Ex Member
****


--------

Accumulatori Nichel Ferro
21.11.14 at 16:54:45
Print Post  
Molto incuriosito dagli accumulatori NiFe ho deciso di studiarne un po il funzionamento , ho letto i brevetti di Edison e sono molto interessanti, come tutti ben sanno gli accumulatori nife hanno il principale difetto del costo del nichel , ma leggendo nei brevetti edison fa capire di utilizzare o fogli di nichel molto fini o addirittura con una "pesante" galvanizzazione. Ora il mistero è pesante quanto? Spesso quanto? Dato che le batterie commerciali non hanno a che vedere con la resistenza delle Edison ho cercato di trovarne una ( praticamente impossibile ) ma a botta di c....o ho trovato degli accumulatori NIFE della guerra fredda ( ancora vive ) e come vedrete dalle foto dopo 50/60 anni che prendono decisamente tante botte! Sono ancora funzionanti.

Le batterie reperite sono 1.2V 14Ah ( alte 10 cm larghe 7cm e spesse 2cm )

Ma dato che sono in ferro spesso 1mm tutto saldato ( lasciando solo il tappo per il rabbocco ) mi tocchera' Vivisezionarla per accedere alle piastre! Domani quando scendo in azienda gli tronchero' il collo e vediamo che c'e' dentro Cheesy

Da una piu accurata ispezione dal buco di rabbocco si vedono 7 piastre ( suppongo 3+ 4- )

Dalla foto si intravede tra le piastre c'e una piccola "zeppa" sembra di gomma, penso per non far toccare le piastre durante gli urti , ma da uno sguardo esterno non sembra realizzata con i cilindri e le piastre fatte da edison ma dalle sole piastre.


Ora domandona : Come si fa a vedere se sono placcate al nichel o interamente in nichel? Ho gia un paio di test in mente per la nichelatura
[/IMG]?1354@@@2014-11-21 16.37.31.jpg
  
Back to top
 
IP Logged
 
leonof
Ex Member
****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #1 - 22.11.14 at 17:53:00
Print Post  
Altra particolarità notata in entrambe le batterie che ho preso è che sono totalmente "stagne" ma questo tipo di accumulatori non producono tanto idrogeno ed ossigeno? Come puo' essere?
Un altra cosa che ho notato, è che sono un po panciute come se all'interno ci fosse stata molta pressione ( per piegare una struttura di 1mm di ferro ce ne vuole di forza ) qualche idea? Puo' essere che ad una certa pressione non avviene piu' il processo di elettrolisi o viene rallentato?
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #2 - 22.11.14 at 22:29:50
Print Post  
ma sei sicuro che siano stagne?


in quelle al piombo con valvole viene forzata la ricombinazione ma sono comunque valvolate e se la p è eccessiva scaricano
  
Back to top
 
IP Logged
 
leonof
Ex Member
****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #3 - 22.11.14 at 22:55:34
Print Post  
Eh si è sembrato stranissimo pure a me.
il contenitore è completamente metallico completamente saldato gli unici accessi da cui "potrebbe" entrare l'aria sono la vite + e - che hanno guarnizioni in gomma strette con un bullone  e poi il buco del rabbocco a vite. Ho provato a soffiare dentro la batteria dal buco di rabbocco con le sue viti e bulloni e non sfiata. Nel tappo non ci sono forellini ne nulla. Infatti ho trovato particolare il fatto che siano un po bombati dall'interno verso l'esterno come se fossero stati in pressione.

Ma sulla carta un elettrolisi sotto pressione , sottovuoto o a pressione normale, avvieneallo stesso modo? O come l'ebollizione dell'acqua che ad altitudini diverse bolle a temperature diverse? Perchè se ad esempio per le correnti immesse sotto pressione non riesce a scindere l'idrogeno dall'ossigeno sarebbe una svolta! Possibile o sto dicendo una fesseria?

Poi anche ipotizzando uno sfiato sotto pressione cio' non gioverebbe all'elettrolito? Ho letto che questo tipo di elettrolito si degrada moltissimo a contatto con l'aria tanto da utilizzare ( se non erro ) uno strato superficiale di olio minerale per evitare il contatto con l'aria.
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #4 - 22.11.14 at 23:53:35
Print Post  
Quote:
le correnti immesse sotto pressione non riesce a scindere l'idrogeno dall'ossigeno sarebbe una svolta!

sicuramente l'aumento di volume è contrastato dalla pressione quindi sotto pressione aumenta la ddp necessaria ma potrebbero essere mv piuù che altro in pressione aumenta l'efficienza della ricombinazione ed il nichel mi sembra che catalizzi l'ossidazione dell'idrogeno, comunque lo trovo strano .. non è che la vite ha qualche trucco
  
Back to top
 
IP Logged
 
leonof
Ex Member
****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #5 - 23.11.14 at 00:04:12
Print Post  
Infatti ho beccato dov'è il forellino ( RIGOROSAMENTE TAPPATO ) L'hanno messo sott una guarnizione ( che ho rotto perche non removibile ) del tappo. Come avevi detto prima tu raggiunta un tot di pressione sfiata.

Tanto questa è una batteria da sacrificio Cheesy ora carico le foto del tappo truccato Cheesy
  
Back to top
 
IP Logged
 
leonof
Ex Member
****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #6 - 23.11.14 at 00:10:08
Print Post  
eccola
[IMG]http://www.energialternativa.org/Public_mod/NewForum/ForumEA_mod/C/2014-11-23 00.05.52.jpg@@@2014-11-23 00.05.52.jpg
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #7 - 23.11.14 at 00:23:11
Print Post  
comuque ho letto che ci può essere un sistema di ricombinazione (platino) e li c'è sicuramente in quanto quei fori servono solo per evitare l'esplosione per troppa pressione
  
Back to top
 
IP Logged
 
leonof
Ex Member
****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #8 - 23.11.14 at 00:27:08
Print Post  
Questa la batteria con tutte le guarnizioni etc...

Ora spero entro poco di tagliargli la testa per vedere le piastre Cheesy Ma che voi sappiate Edison usava nichel pieno o stratificava galvanicamente?
Perche' nei suoi brevetti ammetteva lui stesso che il nichel era molto costoso, quindi suppongo che gran parte non sia nichel puro.

Il mistero è sapere la corrosione del nichel con questo elettrolito.

dici? Eh dovrei avere il tester per il platino con la pietra di paragone Cheesy
Consiste in un semplice strato di platino o c'è qualche procedura particolare?

( questa batteria è dell'aprile del 1952 ) quasi alla fine della guerra fredda Cheesy
[IMG]http://www.energialternativa.org/Public_mod/NewForum/ForumEA_mod/C/2014-11-23 00.19.44.jpg@@@2014-11-23 00.19.44.jpg
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #9 - 23.11.14 at 15:04:13
Print Post  
no la guerra fredda è finita nell' 89 con la "caduta" del  muro di Berlino

nel 52 erano in pienissima guerra fredda.


Suppongo una platinatura (il meno possibile) oppure osmio dicono che sappia di aglio.
  
Back to top
 
IP Logged
 
leonof
Ex Member
****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #10 - 23.11.14 at 15:52:19
Print Post  
quindi l'idrogeno e l'ossigeno al solo contatto con il platino si ricompongono? ( ovviamente suppongo solo nel lato interno del tappo giusto? )

Per quanto riguarda la nichelatura non ne sai nulla?

Io avevo intenzione di fare questo test: hai presente come edison faceva i positivi con dei tubi? Io realizzare 4 5 tubi e galvanicamente ricoprirli di nichel con spessori diversi ( esempio ) primo tubo 10 secondi, secondo 20 secondi , etc. Applicargli cicli continui di carica scarica ( esempio ) 10 al giorno cosi' posso ipotizzare quanto nichel viene logorato in tot cicli , cosi' da poter fare una nichelatura corretta. Cosa ne pensi?
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #11 - 23.11.14 at 20:26:11
Print Post  
Quote:
quindi l'idrogeno e l'ossigeno al solo contatto con il platino si ricompongono?
direi di si ... assorbe idrogeno tanto da scaldarsie poi lo fa reagire con l'ossigeno ma non ho idea di quanto può essere grande forse solo


comunque occorre vedere quale metallo si attacca meglio al nichel

penso che quello ideale sia il rame se si usano elettrodi di rame poi se si piegano crepa il nichel e il rame inquina e da una colorazione azzurrina all'elettrolita

comunue quando lo smonti conserva gelosamente il liquido è KOH in soluzione occhio agli occhi... è estremamente caustico usa gli occhiali
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #12 - 23.11.14 at 20:31:21
Print Post  
Quote:
come edison faceva i positivi con dei tubi?
ma i tubi contenevano ritagli di nichel
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #13 - 23.11.14 at 20:33:55
Print Post  
comunque per aprirla lima via solo la saldatura cosi puoi richiderla se vuoi
  
Back to top
 
IP Logged
 
leonof
Ex Member
****


--------

Re:Accumulatori Nichel Ferro
Reply #14 - 23.11.14 at 20:51:43
Print Post  
Di come è saldata tanto vale tagliare. Delresto ne ho prese 2 a posta una per conservarla ed una per sacrificarla Cheesy

Io ho visto in un manuale d'uso di edison ( ora lo cerco e posto l'immagine ) che lui prendeva una fettuccina larga qualche cm e lunga 20 30 cm in base l'altezza della pila , creava i fori e poi l'accartocciava con il materiale attivo dentro. Infatti se vedi nelle foto su wiki nei cilindri ci sono  delle fascette di metallo per stringere i tubicini. Il mistero è sono 100% strisce di nichel o altri materiali nichelati?

dici il rame per fare il test? O per fare le definitive?

Edison nei brevetti mensiona acciaio dolce.

Comunque come sistema dici possa essere valido? Vedere quando sparisce il lieve strato di nichel basandosi sui cicli effettuati e per poi moltiplicarli a piacimento per gli anni di vita che si vogliono dare all'accumulatore?

Comunque ora raccolgo tutti i manuali d'uso di edison e alcuni brevetti e li linko cosi' si puo' commentare meglio Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
Page Index Toggle Pages: [1] 2 3 ... 16
Send TopicPrint
 

TOP100-SOLAR Galleria Immagini EnergiAlternativa