EnergiAlternativa

Page Index Toggle Pages: 1 ... 53 54 [55] 56 57 ... 67 Send TopicPrint
Very Hot Topic (More than 500 Replies) Costruiamo una batteria Plantè (Read 181514 times)
kekko.alchemi
Forum Administrator
*****
Offline


EA Lab

Posts: 1654
Location: Tusculum
Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #810 - 28.02.13 at 21:24:00
Print Post  
Si fidati sono pochi e cicli sono pieni, scaricate fino a 0V ogni volta... Se cerchi a inizio discussione troverai tutta la sequenza.

Kekko
  
Back to top
 
IP Logged
 
xiux
Ex Member
*


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #811 - 01.03.13 at 00:29:00
Print Post  
QUOTE (kekko.alchemi @ 28/2/2013, 15:12) Quote:
x Xiux: Quella cifra per il banco da 450Ah non è molto, forse è quasi il solo costo della corrente che serve per le formazioni!

Saluti a tutti Kekko

ma questi sono gia' in produzione? credo siano perfetti per la mia nuova casa fra un paio di mesi!!

se dopo ho l'intenzione di acquistare come posso contattare?

saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
denisj
Ex Member
*


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #812 - 01.03.13 at 09:28:00
Print Post  
Kekko ...se esiste già come dato, mi piacerebbe sapere, con approssimazione
quale è la percentuale di perdita di questo tipo di batterie ?
Cioè piu o meno se ci metto 100 ... quanto ne tiro fuori 80, 90 ..etc.
Grazie
  
Back to top
 
IP Logged
 
kekko.alchemi
Forum Administrator
*****
Offline


EA Lab

Posts: 1654
Location: Tusculum
Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #813 - 03.03.13 at 13:58:00
Print Post  
Scusate il ritardo nelle risposte, ma sono stato un po' male...

Salve Xiux, la ditta è già in produzione ma il prodotto sarà disponibile sul mercato fra qualche mese, li ho contattati per i prezzi e come già detto mi hanno chiesto 500 eur a elemento. Mettendo in mezzo il forum però, e la pubblicità che potrebbero avere sul loro prodotto, sono riuscito a strappargli un prezzo "sconto forum" di 400 euro a elemento per i soli utenti del forum. Quando saranno pronti gli verrà concesso (come a tutti) uno spazio nella vetrina per esporre il loro prodotto, così chi vuole potrà mettersi in contatto con loro.

x Denisj, il dato dipende da come scarichi e da come carichi la batteria. Diciamo che se la carichi e scarici in regime C10 (un decimo della sua capacità) ha un rendimento che si attesta intorno all'85-90%. In genere le normali batterie al piombo Faure hanno un rendimento di circa l'80%, ma le Planté avendo uno strato molto sottile di materia attiva, e avendo quindi una resistenza interna molto più bassa, riescono ad avere un rendimento maggiore.

Kekko
  
Back to top
 
IP Logged
 
joeled
Ex Member
*


--------

Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #814 - 05.03.13 at 14:51:00
Print Post  
Saluti a tutti.
Dire che questa discussione e' interessante e' molto riduttivo!!!
I miei complimenti alle vostre realizzazioni.
Sono riuscito a trovare fogli di piombo spessi 2 mm e larghi 1 metro(6 auro al kg!!!! ), e adesso mi accingo a costruire la mia prima cella seguendo il metodo girella.
Una volta pronta la girella , la immergo per 9 giorni nell'acido nitrico e fin qui ci siamo.
Domanda: posso riutilizzare la stessa soluzione con l'acido nitrico per realizzare (anche a lungo termine visto il costo del piombo!) le altre celle??
Grazie.
  
595Wp 1 mono + 4 poli direzione 1 ovest - PCM 60 X MPPT - 2x SMA 12volt 105 Ah - inverter china 1000 Watt onda pura-Sistema 24 volt
Sito realtime in versione beta... http://joeled.noip.me/
qui invece la versione Mobile per cellulare http://joeled.noip.me/mobile/




Back to top
 
IP Logged
 
kekko.alchemi
Forum Administrator
*****
Offline


EA Lab

Posts: 1654
Location: Tusculum
Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #815 - 05.03.13 at 17:55:00
Print Post  
Salve joeled e ben trovato, 6 al Kg sono tantissimi, se pensi che ad oggi in discarica si riesce a prendere ad un prezzo compreso fra 1,2 e 1,4 eur/Kg, e in fonderia in lingotti a 2,2 - 2,6 eur/Kg.
Cmq per fare esperienza va pure bene, per l'acido nitirico una volta utilizzato non puoi riusarlo anzi non lo buttare nella fogna perchè l'acido si trasforma in nitrato di piombo, che oltre ad essere tossico e nocivo per noi è anche un prodotto molto ma molto inquinante, quindi conservalo in delle taniche e portalo ad un isola ecologica o dove lo smaltiscono. Il costo dell'acido nitrico è davvero ridicolo non mi preoccuperei per quello specie se consideri che è all'1%. Oggi industialmente costa intorno ad 1 euro al litro con una concentrazione del 60%. Perciò se ne fai 10 litri all'1% spendi intorno ai 20 centesimi di euro!! Per 100 litri sei a 2 euro circa! La cosa impegnativa sono poi le formazioni, che devono essere fatte a regola d'arte, pena lo sfaldamento della materia attiva e tanto tempo buttato. Non c'è una regola precisa in questo, devi trovare la giusta ricetta fra amperaggio ore di scarica ecc ecc... Ed ottenere così un ossido di piombo scuro e compatto.

PS: Non ricordo che nella discussione si parli del moetodo girella (la prima tipologia di Planté costruita) e di una successiva realizzazione, dove lo hai letto?

Saluti Kekko
  
Back to top
 
IP Logged
 
joeled
Ex Member
*


--------

Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #816 - 06.03.13 at 10:51:00
Print Post  
Ciao kekko , se ne parla a pag 20...
CITAZIONE (max_linux2000 @ 30/9/2010, 21:06) Quote:

Va bene per il nitrico...per i cicli avevo pensato di completare le 6 celle e poi ciclarle nel normale uso dell'impianto in parallello a una batteria esistente?
Impiegherà piu' tempo , ma come si dice la pazienza e' la virtù dei forti!
Per il piombo non ho alternative se non quella di cercare queste lamine in altri posti dove costano meno.Non ho la possibilità di fondere niente!!
E gia' che ci siamo se posso :
con 2 fogli di 50 cm *30 che capacità posso ottenere?? arrivo a 10/20/30 ah?
Mi sfugge la pagina dove era il file per il calcolo..
Grazie.
  
595Wp 1 mono + 4 poli direzione 1 ovest - PCM 60 X MPPT - 2x SMA 12volt 105 Ah - inverter china 1000 Watt onda pura-Sistema 24 volt
Sito realtime in versione beta... http://joeled.noip.me/
qui invece la versione Mobile per cellulare http://joeled.noip.me/mobile/




Back to top
 
IP Logged
 
kekko.alchemi
Forum Administrator
*****
Offline


EA Lab

Posts: 1654
Location: Tusculum
Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #817 - 06.03.13 at 18:15:00
Print Post  
Ciao joled, con un foglio da 50 x 30 cm usato come piastra positiva, alla fine della formazione otterrai circa 20 Ah.

Kekko
  
Back to top
 
IP Logged
 
joeled
Ex Member
*


--------

Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #818 - 07.03.13 at 11:15:00
Print Post  
Ciao ,
fammi capire meglio , sono un po' sordo...

dici che con 1 foglio di quelle dimensioni per la positiva e un'altro delle stesse dimensioni per la negativa ottengo 20 ah , avvolgendo la girella??

It's correct??

Agg.
ho trovato una ditta in provincia che fornisce i fogli da 1 mm di spessore * 1 metro in rotoli da 100 kg, 2.80 + iva il kg , non vende a dettaglio...ma questo e' risolvibile...

  
595Wp 1 mono + 4 poli direzione 1 ovest - PCM 60 X MPPT - 2x SMA 12volt 105 Ah - inverter china 1000 Watt onda pura-Sistema 24 volt
Sito realtime in versione beta... http://joeled.noip.me/
qui invece la versione Mobile per cellulare http://joeled.noip.me/mobile/




Back to top
 
IP Logged
 
Andrea AR
Ex Member
*


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #819 - 10.03.13 at 21:58:00
Print Post  
Ma non so nemmeno che scrivere 55 pagine .........

Bello ...super lavorone anche pesante complimenti.
  
Back to top
 
IP Logged
 
kekko.alchemi
Forum Administrator
*****
Offline


EA Lab

Posts: 1654
Location: Tusculum
Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #820 - 11.03.13 at 15:39:00
Print Post  
CITAZIONE (joeled @ 7/3/2013, 11:15) Quote:
dici che con 1 foglio di quelle dimensioni per la positiva e un'altro delle stesse dimensioni per la negativa ottengo 20 ah , avvolgendo la girella??

Si è corretto con 0,15 m2 di superficie di piastra positiva ottieni circa 20 Ah.

CITAZIONE (Andrea AR @ 10/3/2013, 21:58) Quote:
Bello ...super lavorone anche pesante complimenti.

Ti ringrazio!

Kekko
  
Back to top
 
IP Logged
 
kekko.alchemi
Forum Administrator
*****
Offline


EA Lab

Posts: 1654
Location: Tusculum
Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #821 - 15.03.13 at 01:44:00
Print Post  
Salve a tutti, scrivo per porvi l'attenzione su una "scoperta" che ho fatto oggi nel mio laboratorio delle meraviglie! Mentre la Planté big è in garage a fare i suoi cicli di formazione, Denisj mi aveva chiesto di ritirare fuori la piccolina costruita all'inizio della discussione per vedere dopo un anno di fermo come stava. Dopo averla ritirata fuori dallo scaffale mi sono subito reso conto che l'acido era messo male, purtroppo l'ho conservata senza coperchio così come si vedeva dalle foto, e nell'acido era finito di tutto, da trucioli di legno, polvere e qualche povero insetto... Così l'ho svuotata, ho filtrato l'acido e l'ho rimesso così com'era senza badare alla densità (non è il momento visto che le piastre sono scariche).Finalmente operativa l'ho messa così sul tavolo del laboratorio e sotto la luce di una lampada si notavano tanti piccoli cristalli luccicanti che si erano formati sullo strato di ossido di piombo della piastra positiva. Si tratta di cristalli di solfato di piombo che con il tempo si sono ingranditi al tal punto da diventare visibili. In genere quando questo avviene in una normale Faure, difficilmente si possono riconvertire a materia attiva, in quanto sono fortemente isolanti. Inoltre in una Faure con piastre e separatori pressati a sandwich questi cristalli bucano i sottili separatori andando a toccare la piastra difronte, premendo talmente tanto da formare quelle famose pancie che si notano suelle vecchie batterie d'auto. In casi del genere la strada per un accumulatore Faure è solo il macero, al limite si può provare con un desolfatatore ma di certo non tornerà mai come nuova!Convinto della tecnologia vincente di questa tipologia di accumulatore, ho collegato un alimentatore e l'ho caricato per tutta la notte con una corrente costante di 300 mA. Dopo circa 11-12 ore la cella era arrivata a 2,5 V, ho così insistito nella ricarica facendo salire la tensione fino a 2,6V. Dopo circa 3 ore di forte elettrolisi i cristalli luccicanti iniziavano a diminuire e ben presto dopo altre 3 ore erano completamente scomparsi!! Quello che è successo è che questi cristalli erano a contatto con il piombo metallico subito sotto il sottile strato di materiale attivo, questa forte vicinanza ha fatto si che la debolissima corrente (ma cmq presente) che passava in loro li ha potuti in poco tempo ritrasformare in materiale attivo.Se fossero stati nel bel mezzo del materiale attivo di fortissimo spessore di una Faure (anche 1 cm a volte) la corrente non li avrebbe mai potuti ritrasformare in materia attiva, rimanendo lì per sempre e riducendo (ammesso che funzioni ancora) la capacità dell'accumulatore.Bene, contento del risultato con un bel sole che batteva sulla cella (poi capirete il perchè di questo dettaglio) ho collegato una resitenza da 6,8 ohm e ho iniziato il ciclo di scarica per la determinazione della capacità. La cella poco dopo si era stabilizzata a 1,920V e la corrente a circa 280 mA.Il sole che batteva sul tavolo facendo riflesso sul display del tester mi impediva di vedere per bene le misure rilevate, così ho ciuso le tendine della porta a vetri e con stupore ho visto che la cella era salita a 1,950V. (Ricordo, se non si nota dalle foto di inizio discussione, che il contenitore della cella è trasparente opaco). Inizialmente attribuii il fenomeno alla chimica della batteria che si stava stabilizzando o al limite a qualche contatto ossidato che non faceva bene contatto. Così preso dalla curiosità riaprii le tendine della porta, e come per magia la tensione calò nuovamente a 1,920V!!! Avevo davanti agli occhi la prova eclatante che lo strato di ossido di piombo della piastra positiva era fotosensibile, ma questo portava invece che ad un miglioramento delle prestazioni un peggioramento facendo calare sia il voltaggio che ovviamente la corrente circolante. Quello che succede è che probabilmente si crea una seconda batteria fra lo strato di ossido di piombo e il piombo metallico sottostante, lo strato di piombo assume così un potenziale leggermente più basso facendo diminuire le prestazioni dell'accumulatore!Illuminando la piastra con una luce a led l'effetto era minore ma cmq visibile, la tensione diminuiva in questo caso da 1,950V a 1,946V.Cercai subito in rete riscontri a questo fenomeno a me ignoto, e trovai su wikipedia la risposta! L'ossido di piombo conosciuto anche con il nome di Plumbicon era il materiale fotosensibile delle prime telecamere professionali di inizio anni novanta! QUI il link.Così come tutte le scoperte avvenute per caso oggi ho imparato una cosa nuova. Non è molto salutare per una batteria al piombo di qualsiasi tipologia avere il contenitore trasparente, perchè a contatto con la luce il materiale attivo fotosensibile diminuisce le sue prestazioni.Non è un caso se anche il nostro maestro Gaston Planté chiudeva le sue celle di vetro in una scatola di legno sigillata, forse lo faceva solamente per aumentare la resistenza della fragilità del vetro, o forse no...


Ahh quasi dimenticavo, la piccolina dopo un anno di stasi ha dato alla prima ricarica 3,12 Ah !!! Più di quanto dava quando l'avevo fermata. Ho fatto una prova anche di cortocircuito mettendo a ponte fra i poli uno spezzone di cavo, la corrente circolante è stata di 20A!! Sfido qualsiasi Faure lasciata completamente scarica dopo un anno! Buonanotte a tutti, Kekko.
  
Back to top
 
IP Logged
 
NonSoloBolleDiAcqua
Ex Member
*****


--------

Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #822 - 15.03.13 at 02:33:00
Print Post  
Incredibile!!!!!!!
  
Back to top
 
IP Logged
 
denisj
Ex Member
*


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #823 - 15.03.13 at 06:47:00
Print Post  
Beh ... bellissima scoperta, anche se a me piaceva l'idea della cover trasparente.

Comunque la bellissima scoperta e che dopo tutto questo tempo che la plantina
non e stata usata, da ancora il meglio di se Smiley

Grazie tante Kekko... bella prova Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
cavallociao
Ex Member
*


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #824 - 06.05.13 at 22:38:00
Print Post  
ciao a tutti quelli che seguono le plante' e anche non . volevo chiedere a kekko dove si puo fare uno stampo di alluminio come quello che ha usato , o comunque farselo dasoli sarei quasi in gra<do e quanto costerebbe farlo fare ? complimenti a tutto lo staff plante'. siete grandi.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Page Index Toggle Pages: 1 ... 53 54 [55] 56 57 ... 67
Send TopicPrint
 

TOP100-SOLAR Galleria Immagini EnergiAlternativa