EnergiAlternativa

Page Index Toggle Pages: 1 ... 49 50 [51] 52 53 ... 67 Send TopicPrint
Very Hot Topic (More than 500 Replies) Costruiamo una batteria Plantè (Read 176310 times)
nuti2
Ex Member
*


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #750 - 10.05.12 at 14:29:00
Print Post  
Ciao, manolo, purtroppo caschi male per postare le foto, nench'io ci sono riuscito; forse qualcuno ci può aiutare?, anche da noi il piombo vecchio costa circa quella cifra, che non è tantissimo, però alla fine per fare un buon banco ci vuole una bella sommetta, e di questi tempi la cosa và ponderata.
comunque, mi fà piacere che stai procedendo questo vuol dire che oltre alla determinazione sei anche dotato di una buona abilità/manualità, ( se non ho capito male fai tutto da solo), anch'io vorrei provare a farle ma, per ora sono ancora alle prese con l'ampliamento del mio piccolo impianto, magari se riesci a postare qualcosa ti seguirei volentieri.
ciao e alla prossima.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Sostenibile
Ex Member
*


--------

Gender: Male
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #751 - 10.05.12 at 14:36:00
Print Post  
Guida su
  
Back to top
 
IP Logged
 
IZ2LWE
Ex Member
*


--------

Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #752 - 28.05.12 at 01:27:00
Print Post  
Buona sera, questo è il mio mio primo post, ho letto tutta la discussione, sono rimasto affascinato dall'ingegnosità per conseguire il risultato, faccio i miei complimenti a tutti quelli che hanno partecipato a questa splendida avventura.
Cordiali saluti
Max
  
Camper con impianto solare composto da 4 Poly da 100W in serie, regolatore di carica EpSolar Tracer RN4210 e 2 batterie 12V 105Ah in parallelo secco
Back to top
 
IP Logged
 
elettrauto
Ex Member
*


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #753 - 13.07.12 at 16:30:00
Print Post  
NELLA PLANTE' C'E' UN PROBLEMA TEORICO: ho finito di leggere tutti i messaggi, e mi riferisco alle cose scritte in fase costruttiva da ferro battuto, kekko, dolomitico, qqcreafis,drmacchi,bolle-----------il problema è la tensione di scarica; avete fatto un ottimo lavoro di squadra, ma se il banco creato verrà usato ad una tensione di scarica inferiore ad 1.8 Volt andrà incontro ad un deterioramento inevitabile a causa del solfato di piombo. Come mai avete deciso di usare le piastre planté sottoponendole a scarica profonda? avete trovato qualcuno che lo giustificasse teoricamente o con l'esperienza pratica?
  
Back to top
 
IP Logged
 
kekko.alchemi
Forum Administrator
*****
Offline


EA Lab

Posts: 1654
Location: Tusculum
Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #754 - 13.07.12 at 16:44:00
Print Post  
Ciao elettrauto, la solfatazione nelle plantè è inizialmente una cosa positiva, durante la formazione degli ossidi il solfato di piombo si converte in piombo spugnoso e poi in ossido di piombo aumentando la capacità degli elementi di volta in volta. Non ci sono separatori che si inquinano, perchè le piastre sono immerse nude nell'elettrolita con una distanza di circa 1,5 cm.
Nelle batterie tradizionali succede invece che il solfato di piombo gonfia le materia attive riportate (incollate) distaccandole e gonfiando l'elemento. Questo solfato di piombo se cresce troppo può inquinare i separatori ed andare a toccare l'elemento opposto. Quando questo avviene il solfato di piombo per elettrolisi torna ad essere piombo metallico, creando dei ponti di cortocircuito fra le piastre. Dando origine al famoso elemento in corto.

Nelle Plantè questo non avviene perchè come già detto non ci sono separatori che sostengono il ramo di cristallo. Se il solfato si forma viene trasformato successivamente in materia attiva, non danneggiando minimamente il pesante e spesso piombo che costituisce le piastre.

Saluti Kekko
  
Back to top
 
IP Logged
 
elettrauto
Ex Member
*


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #755 - 13.07.12 at 17:26:00
Print Post  
Sì, quello che dici tu è del tutto corretto, è benefica la deposizione di solfato di piombo sulle piastre, io dico che diventa negativa quando diventa eccessiva, all'inizio è giusto farne depositare tanto, come hai fatto tu con le scariche profonde, ma poi i cristalli si accrescono oltre i 3 micrometri e ricoprono tutta la piastra in modo massiccio, questo porta ad una "schermatura ionica" del cristallo di solfato di piombo e non permette più la reazione, se c'è qualcosa di non chiaro dimmelo che chiarisco.


ciao
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #756 - 14.07.12 at 13:42:00
Print Post  
può essere ; elettrauto hai fatto delle prove?
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #757 - 14.07.12 at 13:59:00
Print Post  
comunque (secondo me , ma è da verificare) si pò comunque recuperare diminuendo la concentrazione di acido e quindi spostando l'equilibrio di solubilità verso la soluzione, tanto non ci sono i separatori
  
Back to top
 
IP Logged
 
kekko.alchemi
Forum Administrator
*****
Offline


EA Lab

Posts: 1654
Location: Tusculum
Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #758 - 14.07.12 at 21:39:00
Print Post  
Questa cosa del solfato non mi è mai successa. E' vero pure che non ho mai lasciato la batteria scarica per più di un mese, probabilmente succederebbe quello che hai detto. Ma ti assicuro che se la ricarichi sempre entro 3 giorni non succede niente. L'acido nelle plantè è come ha detto qqcreafis con una concentrazione inferiore, proprio perchè le piastre si guardano tra di loro senza ostacoli (minor resistenza). Questo ostacola ulteriormente la formazione del solfato di piombo durante le scariche profonde.

Kekko
  
Back to top
 
IP Logged
 
elettrauto
Ex Member
*


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #759 - 15.07.12 at 01:52:00
Print Post  
Ciao qqcreafis, fai bene a chiedermi subito se ho fatto delle prove, io personalmente no, ma dal punto di vista chimico, sarebbe spiacevole che dopo tutto il lavoro di costruzione di queste piastre si arrivasse ad una delusione nel lungo periodo.
In sintesi ci sono arrivato così:

1)metto lastre di piombo in acido nitrico per una settimana all'1%(costo 10 euro al litro) poi asciugo al sole, metto nel contenitore

2)verso acqua e poi acido ad una concentrazione del 10% (anche se molti ne mettono il 30% per ridurre la resistenza interna, c'è anche nel grafico di secondary batteries, e non ho visto se si parla di corrosione, poi ho verificato e di corrosione oltre quella percentuale si parla ma solo per il corpo umano, magari è solo un risultato parziale)

3) lo ione solfato si deposita su ambo le piastre ed nella positiva crea PbO2 (per semplicità non riporto le reazioni che ben conosciamo), e nella negativa piombo spugnoso

4)la batteria di suo è gia carica e posso collegare una lampada

A QUESTO PUNTO (correggetemi se ho scritto male qualcosa)
scaricandosi lo ione solfato si deposita via via sulle piastre polarizzandole (polarizzazione chimica degli elettrodi) quindi si va accrescendo lo strato di solfato di piombo, (punto in cui kekko diceva che vedeva che le piastre diventavano di colore chiaro) accrescendosi ancora i cristalli aumentano di dimensione ed al di sotto d1 1,8 Volt diventano di dimensioni superiori ai 10-20 micrometri,scendendo ancora (come sta facendo kekko con la ciclatura profonda) dovrebbe arrivare ai 30 micrometri, ed a quel punto il solfato di piombo non si può più sciogliere e necessita il desolfatatore, che risolve il problema, ma è un'ipotesi a questo punto, (kekko potrà verificare se la piastra da bianca bianca ritorna alla forma originale) la piastra si va deteriorando e dopo un po' di anni potrebbe rovinarsi pesantemente.
HO PENSATO QUESTO ANCHE CON IL GIUSTIICATO MOTIVO CHE ANCHE LE PLANTE' HANNO UNA LORO VITA LIMITATA, QUALE E' IL MOTIVO DELLA LORO MORTE, QUANDO CI ARRIVANO? CIAO (le planté sono state un lavorone di fonderia)
  
Back to top
 
IP Logged
 
qqcreafis
Ex Member
*****


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #760 - 15.07.12 at 11:30:00
Print Post  
CITAZIONE Quote:
dovrebbe arrivare ai 30 micrometri, ed a quel punto il solfato di piombo non si può più sciogliere

si scioglie più lentamente
  
Back to top
 
IP Logged
 
kekko.alchemi
Forum Administrator
*****
Offline


EA Lab

Posts: 1654
Location: Tusculum
Gender: Male
Zodiac sign: Scorpio
Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #761 - 11.08.12 at 17:59:00
Print Post  
Ciao elettrauto, la morte delle Planté arriva quando raggiungono la loro massima capacità. A volte sono necessari dai 50 ai 70 anni, dipende dallo spessore delle piastre. Ma non dipende assolutamente dal solfato di piombo che si genera, ma dallo sgretolamento del piombo che diventando spugnoso si sgretola e si deposita sul fondo come fanghiglia. Il solfato che si può generare sulle piastre Planté stando a stretto contatto con l'elettrodo (a differenza delle comuni batterie faure a griglia impastata) è nel maggior caso delle volte riconvertibile semplicemente alzando la tensione di fine carica anche a 3 V per elemento. In questo modo il solfato viene riconvertito e l'elettrolisi che si genera farà solo che aumentare la porosità delle piastre che aumenteranno ancora la propria capacità. Difficilmente comunque si deve ricorrere a questa operazione, forse lasciando per mesi la batteria scarica allora si dovrà rimediare nel modo descritto sopra, ma generalmente i cristalli di solfato (vista anche la bassa concentrazione elettrolitica) restano di dimensioni normali.

Una piastra Planté raggiunge la capacità di progetto dopo circa 4000 ore di cicli, perciò considerando che all'inizio si fanno anche centinaia di "mini" cicli al giorno, in circa 1 - 2 anni si raggiunge la capacità di targa. Andando avanti con i cicli questa capacità è in grado anche di raddoppiare per arrivare al culmine dopo 50 - 70 anni di cicli, per poi ridursi drasticamente.

Un modo per raddoppiare quasi la vita utile di una Planté è quello di invertire la sua polarità (e quindi la piastra che si usura) dopo circa 20 - 30 anni. In questo modo faremo consumare in modo uniforme tutti e due gli elettrodi degli elementi.

Saluti Kekko
  
Back to top
 
IP Logged
 
manolotorricelli
Ex Member
*


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #762 - 13.08.12 at 23:51:00
Print Post  
ciao kekko , e da un po di tempo che non ci si sente, volevo sapere a che punto sei con le tue plantè? io mi sono fermato per mancanza di aiuto mio figlio è fuori zona per lavoro ' inizierò ad settembre quando lui verrà.per adesso rimedio del piombo ad un buon prezzo, 1 € al kilo .cmq già ho fatto cinque piastre ed al dire il vero non sono venute niente male. per postare le foto non ci sono riuscito ancora mi e molto difficile, prima non era così, adesso con questo nuovo programma ho serie dificoltà nel postare.ok! colgo l'occasione per farvi a voi tutti del forum un buon ferragosto.-
  
Back to top
 
IP Logged
 
agolui
Ex Member
**


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #763 - 16.08.12 at 22:55:00
Print Post  
Ciao a tutti, Mentre ci riposiamo abbiamo ripreso l'assemblamento della Plantè, domani una sarà completa, cosi inizieremo i trattamenti con acido nitrico e successivamente i cicli di carica e scarica, cosi potremmo passare dalla teoria alla pratica. Domani se riesco postero anche un pò di foto che fanno sempre piacere. Un salutone agolui & kekko
  
Back to top
 
IP Logged
 
agolui
Ex Member
**


--------

Re:Costruiamo una batteria Plantè
Reply #764 - 18.08.12 at 00:59:00
Print Post  
Ciao a tutti, come promesso















Un salutone agolui e KEKKO
  
Back to top
 
IP Logged
 
Page Index Toggle Pages: 1 ... 49 50 [51] 52 53 ... 67
Send TopicPrint
 

TOP100-SOLAR Galleria Immagini EnergiAlternativa